Ascensori a Roma

Chiunque necessiti di far installare un ascensore, che sia affidabile e di qualità, può rivolgersi al Gruppo Fabrizio, azienda laziale specializzata nel settore. In ogni città, vi sono numerosi condomini e costruzioni a più piani. Tutti questi edifici sono, ovviamente, provvisti di scale. Fare una o più rampe di scale può però risultare, a seconda dei casi, faticoso, difficoltoso o, addirittura, impossibile. La risposta a questi problemi è l'installazione di un ascensore.

A chi può essere utile?

Si tratta di un ausilio che permette ad anziani e disabili di raggiungere ogni piano di un determinato stabile. Oltre a ciò, la presenza dell'ascensore è molto importante per le mamme con neonati o bambini piccoli, che escano di casa con una carrozzina o un passeggino, e per coloro i quali debbano portare la spesa o acquisti voluminosi e pesanti nel proprio appartamento.

Per una maggiore comodità.

L'ascensore è visto con favore anche da persone che, pur non avendo difficoltà motorie o carichi al seguito, desiderino evitare lo sforzo di salire e scendere, magari più volte al giorno, sei o più piani a piedi. L'ascensore è, dunque, uno strumento fondamentale, per l'abbattimento delle barriere architettoniche.

Cosa prevedono le normative?

Dalla fine degli anni Ottanta, installare un ascensore è obbligatorio, quando venga costruito un nuovo edificio, o ristrutturato interamente uno stabile preesistente, che abbia più di tre livelli fuori terra (Legge 13/1989). L'obbligo riguarda anche tutti i casi in cui l'accesso alla più alta unità dell'immobile sia posto oltre il terzo livello, considerando la presenza di eventuali piani interrati (Decreto del Ministero dei Lavori Pubblici 236/1989). Nel caso di condomini con tre piani, l'installazione è facoltativa, anche se certamente consigliabile.

Nelle costruzioni antiche.

A Roma, così come in altri importanti centri storici italiani, esistono svariati immobili costruiti diversi decenni fa, oltre ad edifici eretti da secoli. Per queste costruzioni, a meno che esse non vengano sottoposte a ristrutturazioni totali, non esiste l'obbligo di installazione di uno o più ascensori. Nonostante ciò, sarebbe auspicabile optare per questa soluzione, per permettere ad ogni individuo, in qualunque momento, di accedere a ciascun livello.

A chi rivolgersi?

Per tutti i soggetti che siano tenuti ad installare un ascensore o che abbiano deciso di farlo, il referente ideale è il Gruppo Fabrizio, impresa specializzata nel settore, operante da oltre cinquant'anni. Il Gruppo Fabrizio, che costruisce ed installa differenti modelli di ascensori, montalettighe e montacarichi, ha una vasta clientela, ubicata prevalentemente a Roma, nel Lazio e nel centro Italia.

Ottima qualità, nel tempo.

Ciascun modello proposto dallo staff aziendale è costruito in maniera tale da essere durevole ed affidabile, per anni ed anni. I macchinari, semplici da usare per gli utenti, sono dotati di numerose misure di sicurezza, tese ad evitare il verificarsi di situazioni di pericolo, derivanti da guasti o malfunzionamenti improvvisi.

Le garanzie del Gruppo.

I tempi di installazione sono rapidi. I collaudi vengono eseguiti scrupolosamente. Ogni prodotto venduto dal Gruppo Fabrizio ha la garanzia di un anno, valevole a partire dal giorno in cui l'ascensore venga consegnato al cliente. Affinchè la garanzia mantenga il suo valore, è fondamentale che eventuali interventi di manutenzione, effettuati nel corso dei dodici mesi, siano effettuati da personale autorizzato.

Chiedete un preventivo su misura.

Per avere maggiori informazioni sui differenti modelli disponibili e sulle loro caratteristiche tecniche, come la portata, le dimensioni massime della cabina, la corsa massima, la velocità di esercizio, la potenza e la misura della fossa, mettetevi in contatto con il Gruppo Fabrizio. Per richiedere un preventivo o un intervento di assistenza, cliccate sui link presenti sul fianco di questa pagina.

Ascensori Roma

Un'esperienza indiscutibile.

Il Gruppo Fabrizio realizza, monta e manutiene ascensori da oltre cinquant'anni, essendo un'azienda che è stata fondata nel 1962. Ha sede a Fondi, in provincia di Latina.

Elevare persone o merci?

Oltre a produrre ascensori, montacarichi e piattaforme per superare piccoli o grandi dislivelli, parte del suo staff opera anche nella vendita e nel noleggio di carrelli elevatori, dedicati al mondo delle imprese industriali. Il Gruppo Fabrizio, dunque, si occupa, ogni giorno, di proporre soluzioni per sollevare merci o persone, ad altezze differenti.

Per i condomini: l'ascensore a fune.

Per quanto riguarda specificamente gli ascensori per i condomini, ne esistono di due tipologie: elettrici (a fune) o oleodinamici. L'ascensore a fune si compone di almeno sei elementi, che sono l'argano (il macchinario di sollevamento), la cabina passeggeri, il contrappeso, le funi di trazione, il quadro elettrico di manovra ed una serie di dispositivi di sicurezza, come il paracadute ed il limitatore di velocità.

Per i condomini: l'ascensore oleodinamico.

Nell'ascensore oleodinamico, oltre ai medesimi dispositivi di sicurezza, al quadro elettrico di manovra ed alla cabina passeggeri, vi sono una centralina idraulica ed un cilindro ed un pistone. In alcuni casi, vi possono essere anche funi di taglia.

Due tipologie di azionamento.

I due diversi tipi di azionamento si differenziano per la modalità mediante la quale viene imposto il movimento di salita o di discesa alla cabina. Se, nell'ascensore elettrico, è il macchinario di sollevamento a trasmettere il movimento alle funi, nell'ascensore oleodinamico è la centralina idraulica a fornire energia ad un fluido (l'olio), tramite una pompa e le valvole. Il fluido muove il pistone e lo fa fuoriuscire dal cilindro.

Quale sistema preferire?

Gli ascensori oleodinamici non necessitano di un locale tecnico (sono definiti, pertanto, “machine-room less”). La scelta di un sistema o dell'altro va fatta in funzione di numerosi elementi, come la struttura dell'edificio in cui dovrà essere installato, il numero di fermate previste ed il budget di spesa disponibile.

La Direttiva Ascensori e la Direttiva Macchine.

La normativa di riferimento per questo tipo di ausilio è la Direttiva Ascensori, stabilita dall'Unione Europea. I montacarichi progettati per elevare solo merci ed oggetti, non persone, devono essere costruiti in maniera tale da rispettare la Direttiva Macchine.

Gli ascensori per disabili.

Per quanto riguarda le dimensioni minime di un ascensore per disabili, lo spazio interno alla cabina deve essere almeno di cento per centrotrenta centimetri netti, con un vano netto di centosettantacinque centimetri quadrati. L'altezza della porta deve essere di duecento centimetri, mentre la cabina deve essere alta duecentoventi cm. La portata deve essere almeno di seicentotrenta chilogrammi.

Alcuni cenni storici.

Quali sono stati i passi fondamentali, nello sviluppo degli ascensori moderni? In sintesi, possiamo citarne tre. Nel 1853, l'inventore statunitense Elisha Otis depositò il brevetto di un sistema di sicurezza paracadute. Pochi decenni dopo, nel 1880, il tedesco Werner von Siemens inventò l'ascensore elettrico.

Il “congegno Innocenti”.

Alla metà del XX secolo, per la precisione nel 1965, il tecnico italiano Giancarlo Innocenti inventò il sistema di emergenza per i casi di black out, ossia per l'improvvisa interruzione di energia elettrica. Il sistema, definito “congegno Innocenti”, non ha, purtroppo, avuto una rapida diffusione, nonostante la sua indubbia importanza.

La professionalità, al vostro servizio.

Per far installare un ascensore, un montacarichi, un montavivande o un altro pratico ausilio per il sollevamento di oggetti o persone, fate riferimento alla professionalità del Gruppo Fabrizio. Mettetevi in contatto con la sede aziendale per richiedere dettagli tecnici, delucidazioni sulla normativa o informazioni sul funzionamento dei differenti modelli proposti.

Condividi adesso sui Social Network